Home
+39 080 536 7848

Bandi della Regione Puglia attivi: occasioni da non perdere

Gentili Lettori,
vi segnaliamo i Bandi della Regione Puglia tuttora attivi. Sono opportunità molto interessanti che incentivano la nascita di nuove imprese o il miglioramento di punti vendita già esistenti.
Nostro obiettivo è darvi tutte le informazioni necessarie per redigere un progetto che sia efficace e incisivo e che vi permetta di sfruttare al meglio queste occasioni.
Buona lettura!

N.I.D.I. – Nuove Iniziative D’Impresa

Nidi è un Fondo per sostenere chi desidera avviare una nuova attività.
L’iniziativa intende favorire soggetti svantaggiati, per questo l’attività dovrà essere costituita per almeno il 50%, sia del capitale sia del numero di soci, da persone appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie:
- giovani con età tra 18 anni e 35 anni;
- donne di età superiore a 18 anni;
- disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;  
- persone in procinto di perdere il posto di lavoro;
- lavoratori precari con partita IVA (con meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 committenti).
L’investimento ammissibile deve essere compreso fra 20.000 a 150.000 euro, mentre le forme di agevolazione sono diverse e misurate all'investimento previsto.
La procedura di accesso alle agevolazioni prevede la compilazione di una domanda preliminare, un successivo colloquio di tutoraggio presso Puglia Sviluppo e la presentazione dell'istanza definitiva di accesso alle agevolazioni.
Per maggiori info: Nidi: Regione Puglia finanzia le nuove imprese

Titolo II – Capo III

Il Bando per gli aiuti alle piccole e medie imprese (Titolo II – Capo III) ha come obiettivo quello di incentivare le imprese alla realizzazione di nuove unità produttive, all'ampliamento di unità già esistenti, alla diversificazione produttiva e all'innovazione dei processi e dei prodotti.
Il Bando, per cui sono stati stanziati 30 milioni di euro, è rivolto alle imprese attive nel settore commercio (esercizi commerciali di vendita al dettaglio e all’ingrosso), manifatturiero, servizi, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e prevede un investimento che deve essere minimo di € 30.000 e massimo di:
- € 2.000.000 per le micro e piccole imprese con un’intensità di aiuto pari al 45%;
- € 4.000.000 per le medie imprese con un’intensità di aiuto pari al 35%.
Nel dettaglio per i punti vendita si potranno porre in essere interventi innovativi inerenti:
- i principali processi gestionali del negozio,
- l’adozione di efficaci sistemi di fidelizzazione,
- l’adozione del CashDro per assicurasi un sistema di pagamento più sicuro ed efficiente,
- l’acquisto di moderne attrezzature come frigoriferi, bilance, scaffali, ecc.
Per maggiori info: Finanziamenti pubblici: Bando per gli aiuti alle piccole e medie imprese  

Titolo IV – Capo I – Misura 123

L’aiuto ha l’obiettivo di incentivare la realizzazione di progetti che garantiscano sinergie tra le fasi di produzione, commercializzazione e trasformazione dei prodotti agricoli e forestali primari.
I beneficiari dell’aiuto sono micro, piccole e medie imprese che svolgono l'attività di trasformazione e di commercializzazione dei prodotti agricoli.
Gli investimenti materiali ammissibili devono fare riferimento esclusivamente ai macchinari ed alle attrezzature connessi alle fasi della lavorazione/trasformazione, commercializzazione, conservazione e stoccaggio, imbottigliamento, confezionamento, packaging, movimentazione interna ed esterna ecc.
I settori della produzione primaria interessati sono: cerealicolo, olivicolo da olio, ortoflorofrutticolo, vitivinicolo, lattiero-caseario, zootecnia da carne e forestale.
Sono ammissibili al finanziamento interventi che prevedono un investimento minimo di 300.000 € e massimo di 5.000.000 €, tranne per il settore lattiero-caseario per cui l’investimento minimo è di 100.000 €. L’aiuto può essere concesso come contributo in conto capitale o in conto interesse e l’aiuto pubblico previsto è pari al 50% del totale della spesa.

Software Design propone

La partecipazione ai bandi prevede un accurato reperimento della documentazione necessaria, un efficace progetto e un’attenta analisi degli investimenti.
Software Design fornisce la consulenza per affiancare le imprese su tutte le procedure per la partecipazione al bando.
La nostra attività si estende dalla predisposizione della proposta progettuale, alla pianificazione e realizzazione del programma di investimento sino allo sviluppo tecnico e all’assistenza amministrativa.